domenica 31 gennaio 2016

IT'S XMAS TIME: Barcelona low cost (day 1, intro)

Anche durante le festività si può viaggiare senza spendere un capitale. Certo, non è così facile restare all'interno di un determinato budget e spesso e volentieri è la destinazione a scegliere voi e non il contrario, ma se siete disposti a rinunciare a qualcosa in nome del viaggio, allora... anche a Natale si può viaggiare. Noi abbiamo scelto Barcellona, o meglio è Barcellona ad aver scelto noi essendo una delle poche mete ad offrire il volo intorno ai 100 euro in un periodo in cui le tariffe solitamente raddoppiano e triplicano. Dopo Maiorca e Siviglia dunque, altro viaggio in terra spagnola... ops catalana, perchè qui, a partire dalla lingua, di spagnolo non c'è moltissimo. Ma questa è un'altra storia...

Even at Christmas you can travel without spending a fortune. Of course, it is not so easy to stay within a certain budget and often is the destination to choose you and not the opposite, but if you're willing to give up something in the name of the trip, then ... you can travel even at Christmas. We picked Barcelona, or better, Barcelona picked just because it's one of the few places to offer flights from at 100 Euros at a time when prices usually are very high. After Mallorca and Seville, another trip on the Spanish lands ... oops catalan land. Yes, here we are in Catalunya and even the language is different. But that's another story ...

Tre notti e due giorni pieni di visita della città, un tour de force che ci porterà a camminare per una quarantina di chilometri in due giorni, ma che allo stesso tempo ci porterà a toccare sostanzialmente tutte le mete della capitale catalana. Perchè low cost? Semplice. Forzati dal fatto che molte attrazioni a pagamento fossero già "sold out", abbiamo deciso, infatti, di vivere la città senza acquistare alcun ticket per musei, chiese o parchi: le uniche spese? La metro (Hola Bcn card: 13 euro per due giorni - http://www.visitarebarcellona.com/differenze-abbonamenti-turistici-barcellona/) ed il cibo.

Three nights and two full days of sightseeing, a tour de force that will lead us to walk for about forty kilometers in two days, but at the same time will lead us to touch substantially all the main things of the Catalan capital. Why low cost? Simple. Forced by the fact that many paid attractions were already "sold out", we have decided, in fact, to experience the city without buying any tickets for museums, churches or parks: the only expenses? The subway (BCN Hola card: 13 € for two days - http://www.visitarebarcellona.com/differenze-abbonamenti-turistici-barcellona/) and the food.

Fuori dall'aereoporto "El Prat" ci aspetta il bus navetta (10.90 andata e ritorno) che ci porta in centro. Scendiamo a Plaza de Catalunya ed all'info point ritiriamo i biglietti della metro che avevamo comprato in internet prima di partire. Notiamo anche parecchie persone al centro della piazza e "sta a vedere che riusciamo anche a vedere lo spettacolo della Fontana Magica" ci diciamo guardandoci negli occhi. Ci ricordavamo, infatti, della "tip" offertaci dalla nostra amica Claudia, che più volte ci aveva consigliato di non perdere assolutamente lo spettacolo delle fontane il venerdì ed il sabato (nei mesi estivi anche il giovedì).

Outside the "El Prat" airport we take the shuttle bus (10.90 round trip) that takes us to the city-center. The last stop is Plaza de Catalunya: at the info point we get the subway ticket we had bought on the internet some days before. We also see several people at the center of the square and "well, perhaps can also see the show at the Magic Fountain" we say. We have been told many times about this fountain. Our friend Claudia always recommends not to miss the fountains on Friday and Saturday evenings (in summer also on Thursday).


Non ci eravamo informati perchè convinti, arrivando il sabato sera, che non avremmo comunque fatto in tempo a godere dello spettacolo che termina alle ore 20.

We didn't do any research about the fountain because, landing at 7pm, we thought we would not had enough time.



Solo dopo qualche ora, in albergo, scopriremo che la "Fontana Magica di Montjuic" non era quella. "Ma, Ale, a me pare diversa questa foto rispetto a ciò che abbiamo visto noi". "Dici?". "Dico". Ok, per la Fontana Magica sarà per un'altra volta...

Only after a few hours, in the hotel, we find out that the "Magic Fountain of Montjuic" was not that one. "Ale, this picture looks like different to me comparing to what we've just seen." "You think so?". "I say." Ok, we haven't seen the Magic Fountain...

(foto da internet - picture taken from the net)

Non ci resta che andare a cena e, per la prima sera, giochiamo subito il jolly del week end catalano. Un altro nostro amico, Liviano, ci aveva consigliato il "cera 23" (numero 52 di 7742 su tripadvisor), un piccolo ristorante quasi nascosto, fortunatamente neppure troppo lontano dal nostro hotel (carrer de la cera, 23). Lo raggiungiamo a piedi. Non avendo prenotato dobbiamo aspettare un buon quarto d'ora nell'attesa che si liberi un tavolo: tale attesa però ripagata ampiamente. Il menù non è ampio, ma ormai abbiamo imparato che molto spesso è sinonimo di freschezza e qualità.

We just have to go to dinner and, for the first night, we immediately play the one's ace card. Another friend of ours, Liviano, had advised us the "Cera 23" (number 52 of 7742 on tripadvisor), a small almost hidden restaurant, fortunately not too far from our hotel (carrer de la cera, 23). We can reach it by foot. Not having booked we have to wait a quarter of an hour  for a table: this await, however, will be rewarded. The menu is not extensive, but we've have learned that very often it means that you'll find freshness and high quality.




Due bicchieri di vino, acqua, filetto al sale grosso, agnello con cous cous e crema catalana. Inoltre ci vengono offerte delle olive come entrée e uno shot di liquore al cioccolato bianco! Spendiamo 50 euro in due.

Two glasses of wine, water, beef fillet with salt, lamb with couscous and creme brulee. Furthermore we are offered olives as entrée and a shot of white chocolate liqueur! The bill is 50 euros overall.



Sì, esula un pochino dalla "Barcelona low cost" che avevamo in mente, ma sarà davvero l'unica eccezione...

Yes, that's a little bit beyond the "Barcelona low cost" that we have in our mind, but it has been the only exception ...



CERA 23
LOCATION:                7
SERVIZIO/SERVICE: 9
MENU':                        9
CONTO/ BILL:            8



TRAVEL INFOS


COUNTRY: Spain
CITY: Barcelona
DAYS: 26-27-28-29 december
BUDGET: 170 euros per person
FLIGHT: Ryanair: land on 26th december at 7 pm, take off on 29th december at 1.30 pm
COST: 101.50 euros per person
HOTEL: Hotel Paral-lel
COST: 155 dollars (3 nights: 51.50 per night)
POSITION: ****
COMFORT: **
VALUE: ****
CLEANING: *****


FOLLOW US ON FACEBOOK: 

WWW.FACEBOOK.COM/DUECUORIPERVIAGGIARE?REF=HL



lunedì 25 gennaio 2016

IT'S XMAS TIME: Barcelona low cost (day 2 - Gaudì tour, Parc Guell & Tibidabo)

Abbiamo a disposizione solamente due giorni pieni per la visita della città e non vogliamo assolutamente perdere tempo. E' domenica mattina e siamo in Spagna, che tradotto significa che alle nove del mattino solo noi e pochi altri "eroi" sono già in pista per il primo appuntamento giornaliero. Con la metro scendiamo a "Passeig de Gracia" e percorriamo l'omonima via: è qui che Gaudì ha dato probabilmente il meglio di sè, con Casa Batllò e la vicina Casa Milà, detta anche Pedrera.

We have only two full days to spend in the city and we really don't want to waste time. Well, it's sunday morning and this is Spain, which  means that at 9 am it's just us and a few other "heroes" already on track around the city. The first subway stop is "Passeig de Gracia": along this street that Antoni Gaudi probably gave his best with Casa Batllò and the nearby Casa Mila, also known as La Pedrera.




Casa Batllò non vi lascerà indifferenti: simbolo del capitalismo catalano ed ovviamente uno dei capolavori di Gaudì, nel corso degli anni casa Batllò è stata soprannominata in diversi modi, da "Casa delle ossa" a "Casa del Drago".

Casa Batllò won't let you down: as a symbol of catalan capitalism and of course as one of the masterpieces of Gaudi, over the years Casa Batllò has been dubbed in different ways, from "House of Bones" to "House of the Dragon."




Ed il motivo è molto semplice. I balconi, infatti, ricordano la mandibola di un drago ed il tetto è una sorta di imitazione della schiena di un drago. La casa è visitabile, ma come abbiamo già avuto modo di dire, vuoi per il tempo a disposizione o vuoi anche per i prezzi folli (22.50 euro per persona) ed il nostro intento è quello di vivere una "Barcellona low cost", decidiamo di proseguire.

The reason is very simple. The balconies, in fact, remember the mandible of a dragon and the roof is a kind of imitation of the back of a dragon. The house can be visited, but as we have said earlier, prices are very high (22.50 euros per person) and our intention is to live a "Barcelona low cost".




A poche centinaia di metri di distanza ecco un altro gioiellino, la Pedrera, Anche qui non si può non notare la mano di Gaudì, soprattutto il suo "non amare" le linee rette. Nel caso vogliate visitarla il prezzo è di 16.50 euro per persona.

Not very far from Casa Batllò there is another gem, called La Pedrera. Even here you will notice the hand of Gaudì, especially how he "dislikes" straight lines. In case you want to visit La Pedrera, price is 16.50 euros per person.




Lasciata la Pedrera e giunti all'incrocio con Avenida Diagonal, giriamo a destra e percorriamo i due chilometri e mezzo che ci separano dal simbolo di Barcelona, la Sagrada Famìlia (tickets dai 15 ai 29 euro), opera alla quale Gaudì ha dedicato ben 42 anni della sua vita. Il progetto prevede che venga terminata nel 2026, la strada dunque è ancora lunga...

Leaving La Pedrera, at the crossroads with Avenida Diagonal, we turn right and walk for two and a half kilometers till reaching the symbol of Barcelona, the Sagrada Familia (tickets from 15 to 29 Euros). Gaudì dedicated 42 years of his life to this beautiful church: the project expected to be completed in 2026, the road is still very long ... 




Per la Sagrada Famìlia siamo disposti a fare il "sacrificio", anche da fuori è imponente e bellissima e non vediamo l'ora di poterla visitare.

We are willing to make the "sacrifice" for the Sagrada Familia. It is impressive and beautiful even from outside: we definitely want to visit it!




Il nostro entusiasmo viene però immediatamente placato in biglietteria, quando scopriamo che non solo le visite odierne sono "sold out", ma che per prenotarla per il giorno successivo avremmo dovuto tornare in hotel ed effettuarla tramite internet.

Our enthusiasm is, however, immediately calmed down at the ticket office, when we find out that today's visits are "sold out" and if we want to book a visit for the day after we would have come back to the hotel and do it through the internet.




Solo in serata, una volta tornati al nostro "campo base", scopriremo che anche per il giorno successivo tutto era "sold out". Delusione.

Once at the hotel, in the evening, we find out that even for the next day everything is "sold out". Disappointment.




Riusciamo solamente a visitare la cappella adiacente, dove abbiamo ammirato la tomba di Gaudì. Vorrà dire che dovremo tornare a Barcellona prima o poi...

We can only visit the adjacent chapel, where admire the tomb of Gaudi. It means that we will have to come back to Barcelona sooner or later ...




Respinti con perdite durante la spedizione alla Sagrada Famìlia ci giochiamo la carta Parc Guell, un parco sul quale riponevamo molte delle nostre aspettative e che purtroppo invece non ci ha colpito moltissimo.

Rejected with losses during our expedition to the Sagrada Familia, we play the card called "Parc Guell": We have much expectations but unfortunately this park will not impressed us so much.


(dalla cima della collina che ospita Parc Guell si può ammirare in lontananza Tibidabo - 
From the top of Parc Guell Hill you can admire Tibidabo)

Lo percorriamo dall'alto verso il basso (una scelta che consigliamo per non dover faticare ancora di più) in modo tale che il percorso sia sempre da effettuare in discesa.

We start walking it from the top (a choice we highly recommend): in this way that the path will always be downhill.




Partiamo dunque dal punto più alto, da dove poter ammirare l'intera Barcelona, e scendiamo sino a raggiungere la zona più turistica.

Let's begin from the highest point, from where you can admire Barcelona, and then go down untilwe reach the most touristic area.




Intuiamo però subito che non fa per noi. Quasi tutto è a pagamento, dalla "casa museu Gaudì" alla parte con i capolavori dello stesso Gaudì (7 euro), per la quale, anche stavolta, ci sarebbe da aspettare una buona ora. E' un museo, non è un parco e quindi no, non è il nostro parco.

We immediately realize that this is not our kind of park. You've to pay for almost everything inside the park, from the "casa Museu Gaudi" to all the Gaudi's masterpieces (7 euros), for which, again, we would have to wait for a good hour. This is a kind of museum, not a park. Definitely that's not out park.




E poi, tanti, troppi turisti, Certo, visivamente è un parco bellissimo, ma non fa per noi.

And then too many tourists. Well, surely, it is visually a beautiful park but not the kind of park we like the most.




Apprezzeremo molto di più il giorno successivo il suggestivo Parc de la Ciutadela. Ovviamente però è un parere molto, molto soggettivo.

We appreciate much more the impressive Parc de la Ciutadella, which we'll visit the day after. Obviously this is a very, very subjective opinion.




Ci rifaremo con il cibo quindi? Ehm, no. Per pranzo avevamo scelto, tra i tanti posti che avevamo selezionato ed i tantissimi che ci avevano consigliato gli amici, la Paradeta (passatge de Simò, numero 18), proprio perchè vicino alla Sagrada Familia. Qui scegli il tu il pesce e loro te lo cucinano. Chiuso per ferie. Optiamo per la seconda opzione, la Cerveceria Catalana (carrer de Mallorca, numero 236), ma anche qui veniamo rimbalzati, L'attesa è di un'ora, il locale non è pieno, di più. Decidiamo per una cosa easy e testiamo un locale aperto da pochissimi giorni.

Will we be lucky at least with the food? Well, not so much! It's lunch time and we would like to taste, among many places we had selected and the many recommended by our friends, the Paradeta (passatge de Simo, number 18), just because it's close to the Sagrada Familia. Here you can choose the fish you want to eat and they cook it for you. Closed for holiday. There's a second option: the Cerveceria Catalana (Carrer de Mallorca, number 236), but even here we are not lucky. We are told that we have to wait for more than an hour for a table... it's better if we go for something easy in a bar opened just few days ago. 


(come raggiungere Tibidabo - how to get to Tibidabo)

Ricaricate le batterie siamo pronti per la tappa del tardo pomeriggio che, complice la posizione non proprio comodissima, avevamo messo tra i luoghi da visitare "se avanza tempo". Ma, essendo in largo anticipo sulla tabella di marcia abbiamo tuttavia deciso di inserirlo: parliamo del Tibidabo, la collina alta 512 che domina l'intera Barcellona.

After lunch we are ready to visit another place. It's early afternoon and we have plenty of time. And there's a location that we put among the places to visit "if we have enough time".  We are talking about Tibidabo, the 512 meters high hill overlooking the entire Barcelona. 




Prendiamo la S1, la metro (anche se in realtà è un treno) che ci porterà a Peu del Funicular, da dove prenderemo la funicolare.

We take the S1 subway (although it is actually a train) which will take us to the Peu Funicular stop, where the funicular is waiting for us.




Giunti in cima, il servizio navetta (ogni mezz'ora) vi porterà sino al punto più alto della collina, detto appunto Tibidabo.

At the top, the shuttle (you can catch it every half an hour) take us up to the highest point of the hill, called Tibidabo.




La chiesa del Sacro Cuore, costruita dopo una visita di San Giovanni Bosco, è il fiore all'occhiello, ma la peculiarità di questo luogo è sicuramente il luna park, il più vecchio di Spagna, costruito più di cento anni fa proprio in cima alla collina.

The Church of the Sacred Heart, built after St. Giovanni Bosco went there, is the highlight, but the peculiarity of this place is definitely the amusement park, the oldest in Spain, built over a hundred years ago right at the top of hill.




Il costo è come sempre, eccessivo, ma il divertimento per piccoli e grandi è assicurato.

Price is, as usually, is very high but fun for all ages is guaranteed.




Da qui la vista su Barcellona è imponente, pareggiata solamente da quella che ci verrà regalata dal Montjuic il giorno successivo.

From here you can enjoy a marvellous and impressive view of Barcelona. Only the view given to us by the Montjuic hill can be compared to the Tibidabo.




Un luogo che avevamo messo in secondo piano si conferma invece uno dei luoghi che più ci ha colpito di Barcellona, ennesima conferma che non sempre guide e diari di viaggio vengano incontro ai vostri gusti.

A place that definitely one of the most impressive of Barcelona: this is yet another confirmation that not always guides and traveltales meet your tastes.




Decidiamo, complice i bus sempre pieni di persone, di scendere a piedi sino alla fermata della funicolare.

Busses are full of people, we decide to walk down the hill till reaching the funicular stop. 




Per fortuna i due chilometri che percorriamo sono in discesa e ci regalano anche un tramonto spettacolare.

Luckily, the two kilometers walking give us an amazing sunset.




Siamo distrutti dopo i 20 km percorsi oggi alle 18.30 siamo già a cena. Percorriamo parte della Rambla e poi prendiamo il bus che ci porterà in zona Barceloneta. L'appuntamento è con il Kiosco (numero 176 di 7368 su tripadvisor) per un fantastico hamburger. Birra australiana, ingredienti tipici spagnoli. Compiliamo un foglio in cui scegliamo il pane, il tipo di ingredienti, se salse ed i contorni.

We are totally destroyed after 20 km we've walked today and at 6.30 pm it's already dinner time. We walk along the Rambla and then take the bus that will take to the Barceloneta area. We are going to the Kiosco (number 176 of 7368 at tripadvisor) for a fantastic burger. Australian beer, typical Spanish ingredients. We fill in a sheet in which we choose bread, kind of ingredients, sauces and sides.




Ale opta per l'Australiana (hamburger, bacon, barbabietola grigliata, cheddar, salsa barbeque fatta in casa e patatine fritte), Marco invece per La Bacoa (hamburger, bacon affumicato, irish cheddar, manchego cheese, sottaceti e mostarda artigianale. Patate al vapore con salsa alioli come contorno). C'è bisogno di aggiungere altro? Assolutamente no. Anzi, una cosa si, il prezzo: 29 euro in totale. Non c'è bisogno di dire che, dopo un amaro preso in un locale di fronte all'hotel, crolliamo. Inevitabile.

Ale gets the "Australiana": burger with bacon, grilled beetroot, cheddar, homemade bbq sauce and fench fries. Marco gets "La Bacoa": burger with smoked bacon, irish cheddar, manchego semi-cured cheese, pickles, artisan mustard and steamed potatoes with alioli sauce. What else to say? Nothing of course. Well, just one more thing: the bill (29 euros overall). No need to say that, after a glass of rhum taken in a bar across the street, we collapse. Inevitable.




HOTEL: Hotel Paral-lel
COST: 155 dollars (3 nights: 51.50 per night)
POSITION: ****
COMFORT: **
VALUE: ****
CLEANING: *****

FOLLOW US ON FACEBOOK: 

WWW.FACEBOOK.COM/DUECUORIPERVIAGGIARE?REF=HL





venerdì 15 gennaio 2016

IT'S XMAS TIME: Barcelona low cost (day 3, part 1 - Las Ramblas, Barrio Gotico & La Ciutadela)

Se durante il Day 1 abbiamo percorso venti chilometri, nel Day 2 ci supereremo arrivando addirittura a quota ventisette. Tutto comincia e finisce da Plaza de Catalunya e dalla Rambla, nel mezzo un lungo giro dove toccheremo sostanzialmente tutto quello che per una questione di tempo non eravamo riusciti a visitare il giorno prima. Partiamo dal simbolo di Barcelona, la via principale, la prima cosa che viene in mente a chiunque si ponga la consueta domanda sul "cosa vedere a Barcellona". Al mattino non sembra neppure lei, priva del caos, degli artisti di strada, delle luci e delle persone che invece la caratterizzano durante la sera.

If on Day 1 we covered twenty kilometers, on Day 2 we are doing even better: twenty seven kilometers! Everything begins and ends from Plaza de Catalunya and Las Ramblas, in the middle there's a long tour. We are going to visit basically everything, starting from the symbol of Barcelona, the main street, the first thing that comes to anyone's mind who sets the usual question about "what to see in Barcelona." In the morning it looks like a normal street: no chaos, no street performers, no lights and no people... Are we sure we are hitting the Rambla?



Ma noi siamo qui perchè siamo alla ricerca del Cafè Granja Viader (Carrer Xuclà, 4-6), la più antica latteria di Barcelona. Nascosta in una viuzza dietro la Rambla, vi riporterà indietro nel tempo, ai "bar di una volta".

We are here because looking for the Cafe Granja Viader (Carrer Xuclà, 4-6), the oldest dairy in Barcelona. Almost hidden in a small street behind the Rambla, this place will take you back in time.


Ah, da queste parti si passa anche e soprattutto per la mitica cioccolata con il churro ma noi, avendo già fatto colazione, ci limitiamo ad un caffè con un po' di panna montata...

Well, if you come here it's because you wanna have the legendary chocolate with churros... the only problem is that we've already had breakfast, so can just have a  coffee with a little bit of whipped cream ...



 ...prima di addentrarci nei vicini Ciutat Vella e nel Barrio Gotico, il quartiere gotico, il cui simbolo è sicuramente la cattedrale. Di fatto la chiesa più importante di Barcellona.

... before getting to the nearby Ciutad Vella and Gothic Quarter. The symbol of the Gothic quarter is definitely the cathedral, the most important church in Barcelona.


E' una zona ricca di storia. Non lontano dalla cattedrale, infatti, è possibile visitare il Museu Frederic Marès e soprattutto Placa del rei, crocevia dei commerci ai tempi della Barcellona medievale.

It's an area full of history. Not very far from the cathedral, in fact, you can visit the Museu Frederic Mares and especially Placa del Rei, a crossroads of trade at the time of medieval Barcelona.


Placa Sant Jaume, la chiesa di Santa Maria del Mar, il museo di Picasso ed il palau de la Generalitat chiudono il cerchio...

Placa Sant Jaume, the church of Santa Maria del Mar, the Picasso Museum and the Palau de la Generalitat close the circle ...


Lasciata la "Barcellona storica" riprendiamo la nostra camminata verso la Ciutadela che, sulla carta, dovrebbe adattarsi maggiormente ai nostri gusti decisamente "poco storici".

Leaving the "historical Barcelona" we keep walking till reaching the Ciutadela that, on paper, should adapt to our tastes more than the Barrio. 


Il parc De La Ciutadela, come abbiamo già avuto modo di dire durante il day 1, diventerà immediatamente il nostro luogo preferito di Barcellona.

The Parc de la Ciutadella, as we said while telling about the day 1, immediately becomes our favorite place in Barcelona.


Il castel de tres dragons domina l'entrata al parco provenendo da Carrer de Jaume...

The Castel de tres dragons dominates the park entrance coming from Carrer de Jaume ...


... subito fuori il parco invece, lungo il Passeil Lluìs Companys, spicca l'Arco di Trionfo. Sì, perchè anche Barcellona ha il suo Arco di Trionfo.

... just outside the park, along the Passeig Lluis Companys, stands the Arc de Triomphe. Well even Barcelona has its own Arc de Triomphe.


Il parco è molto affascinante e, come per l'arco, c'è chiaramente l'influenza parigina, essendo stato creato ad immagine e somiglianza dei Giardini di Lussemburgo, con Gaudì che ha messo ovviamente il suo zampino nella creazione delle fontane.

The park is very charming and, as for the arch, there is clearly the Parisian influence, having been created following the design of the Luxembourg Gardens. Gaudi worked on the fountains...


Questo per noi è un parco. Gente del posto, tranquillità, laghetti e attrazioni per i bambini come ad esempio lo zoo. Noi siamo strani, è vero, ma Parc de la Ciutadela batte Parc Guell 2-0.

This is a park. Locals, tranquility, small lakes and attractions for children such as the zoo. It is true that we're weird but Parc de la Ciutadella beats Parc Guell 2-0.



Per pranzo ci giochiamo l'ennesimo jolly. La fermata è in Carrer de la Reina Cristina, nel quartiere di Barceloneta, raggiungibile comodamente a piedi dal parco De La Ciutadela. Siamo qui per la famosissima Xampanyeria: locale piccolissimo e spesso pieno di "gente del posto", niente tavoli e atmosfera del tutto particolare (numero 118 di 7809 su tripadvisor). Salumi, formaggi, tapas e panini accompagnati ovviamente dal loro champagne (cava rosè), prezzi irrisori e qualità assicurata. Sì, c'è un po' da sgomitare, probabilmente anche la coda per entrare e non è sempre facile leggere il cartellone con le pietanze scritte in catalano e soprattutto capire quello che stai per ordinare, ma se siete a Barcellona non potete non passare da qui.

For lunch we play another wild card. The stop is along Carrer de la Reina Cristina, in Barceloneta, an easy walking distance from Parc De La Ciutadella. We are here for the famous Xampanyeria: a very small and often full of "locals" bar, no tables and very special atmosphere (number 118 of 7809 on tripadvisor). Cheese, tapas and sandwiches accompanied of course by their champagne (cava rosé), very low prices and quality assured. Yes, it's a mess, probably you'll have to stay in line and it is not always easy to read the billboard with the names of the dishes written in Catalan and especially understand what you are ordering... but if you are in Barcelona you can not miss this place.


Nel prossimo post vi racconteremo il pomeriggio, portandovi dentro la Barceloneta e poi a Montjuic, a plaza de Espana e soprattutto dentro uno dei mercati più belli al mondo, la Boqueria.

In the next post we will tell you about the afternoon, taking you inside the Barceloneta and then Montjuic, Plaza de Espana and especially inside one of the best market in the world: the Boqueria.



FOLLOW US ON FACEBOOK:

WWW.FACEBOOK.COM/DUECUORIPERVIAGGIARE?REF=HL







venerdì 8 gennaio 2016

IT'S XMAS TIME: Barcelona low cost (day 3, part 2 - Barçeloneta, Montjuic & Plaza Espana)

Ci eravamo lasciati nel quartiere di Barçeloneta, subito dopo pranzo, in una delle aree sicuramente più vere dell'intera città. Le piccole vie del Barrio non hanno perso il fascino antico ed anche una semplice camminata saprà regalarvi emozioni.

In the last post we left you, just after lunch, in the district of Barçeloneta, one of most true neighborood of the entire city. The small streets of the Barrio have not lost the charm and even a simple walk will give you a lot of emotions.


Un tempo quartiere popolato da marinai, oggi troverete gente umile o magari anche qualche anziano che, seduto sulla propria seggiolina sull'uscio di casa, vi saluterà augurandovi buona giornata. La Barçeloneta è questo, ma non soltanto. Qui ci sono le spiagge, ci sono sportivi che fanno jogging e la vita notturna è vibrante. Noi l'abbiamo raggiunta a piedi, all'interno dei famosi 27 km che, vi abbiamo detto, percorreremo durante la giornata. Ma per chi volesse risparmiare energie, è attivo il bus 59 che dalla rambla vi porterà direttamente sulla spiaggia.

Formerly a district populated by sailors, today you will find humble people or maybe even some old men, sitting on their chair in the doorway of the house. This is Barçceloneta but there is something more. This piece of Barcelona is also famous for its beaches and vibrant nightlife. How to get there? By walk of course (2.5 km from the Rambla) of with the bus number 59 that will take you from the Rambla directly to the beach.


Giusto il tempo di ammirare il panorama e riprendiamo la marcia verso il porto vecchio (port vell), sino a raggiungere prima l'enorme acquario e poi il centro commerciale Maremagnum, entrambi locati proprio all'interno del porto stesso.

It's a sunny day and even the temperature is quite high. It's tough to leave this place but we have to. We have to go to the old port (Port Vell) and pass through the aquarium and the Maremagnum mall, both located in the port area. 


(dalla spiaggia di Barçeloneta il tragitto che conduce al centro commerciale e poi al Mirador de Colombo - The path that connects Barceloneta and the beach with the shopping center and Mirador de Colombo)


Una passerella vi ricondurrà sulla terra ferma, dove ad attendervi troverete la statua di Cristoforo Colombo.

A walkway will take you back to the mainland, where you'll encounter the statue of Christopher Columbus.



Per chi arriva dal mare la porta d'ingresso nella città. Sopra le nostre testa vediamo scorrere una teleferica che notiamo arrivare sino alla cima del Montjuic, la nostra prossima destinazione.

If you're coming from the sea this is a kind of city gateway. Over our head we see a cable that connects the port with our next destination: Montjuic.

(Dal mirador allo stadio Olimpico. A piedi sono circa 5km - A 5 km walk is required if you want to get to the Olympic Stadium)


Proseguiamo a piedi invece di prendere la metro e, almeno per la prima parte in salita, rimpiangeremo questa decisione.

We walk till reaching the top of the hill. Any regrets? Yes, a lot of regrets!


Arrivati in cima però godremo di una splendida cartolina di Barcellona.

At the top, however, we enjoy a beautiful view of Barcelona.


Da una parte il porto ed il mare, dall'altra la città. In lontananza scorgiamo anche la Sagrada Familia.

The port and the sea on the right, the city on the left. In the distance we can also notice the Sagrada Familia.


Montjuic non è un'area troppo turistica e, come spesso succede, ciò non fa altro che renderci felici. Marco è entusiasta. Le Olimpiadi di Barcellona, le prime che vide tv da piccolo, hanno visto proprio in cima alla collina scrivere le pagine più importanti. Eccitazione  da una parte per il luogo in cui ci troviamo, completa delusione dall'altra, quando scopriamo che il costo della teleferica è di ben 20 euro a persona: 40 euro per 5 minuti di viaggio rasentano la follia.

Montjuic area is not too touristy and, as often happens, it does make us happy. Marco is excited. The 1992 Barcelona Olympic Games, the first one watched on tv when he was a child, wrote the most important pages right there. Excitement for the place where we are but even disappointment when we find out that the cable car ride costs 20 euros per person. They will never get our money! 


Proseguiamo dunque lungo Avinguda Miramar sino a raggiungere Carrer l'Estadi. Il nome la dice lunga: qui, infatti, sorge lo stadio olimpico. L'entrata è gratuita, non possiamo non approfittarne.

Keep going along Avinguda Miramar till getting to Carrer l'Estadi. The name says almost everything: here there is the olympic stadium. Gates are open, we cannot miss this opportunity.


Tra le "10 cose da fare a Barcelona" che Marco si era segnato la "zona olimpica" era in cima alla lista.

Among the "best 10 things to do in Barcelona" the "Olympic zone" was at the top of Marco's ranking


Il Palau St Jordi, costruito proprio accanto allo stadio, è stato teatro delle gesta del Dream Team Americano di pallacanestro.

The Palau St Jordi, built right next to the stadium, was the scene of American basketball Dream Team matches.


Chi ama lo sport non può rimanere indifferente. All'interno di quella che possiamo tranquillamente definire come "area olimpica" è stata posizionata anche la "torre de la telecomunicaciones", progettata dall'architetto Calatrava.

Those who love sports will enjoy this place. Within the "Olympic area" you can also visit the "torre de la telecomunicaciones", designed by Calatrava.


Ci sarebbe anche il castello, simbolo dell'intera Montjuic, da visitare, ma siamo davvero ko per la stanchezza. Ritornati su Carrer l'Estadi prendiamo il bus che ci lascerà a Plaça de Espana. Scorgiamo anche la "vera" fontana magic, situata in fondo ad Avenida Reina Maria, la via che collega proprio Plaça de Espanya (la fermata metro è "Espanya") e plaça Carles Buigas. Il venerdì ed il sabato sera (orario invernale: 19 e 21) le fontane si colorano a ritmo di musica.

We are really too tired to visit also the castle, the symbol of the entire Montjuic. Back to Carrer l'Estadi we catch the bus that will take us to Plaça de Espana. We even finally see the "real" magic fountain, located at the bottom of Avenida Reina Maria, the street that connects Plaça de Espanya (the subway stop is "Espanya") and Plaça Carles Buigas. On Friday and Saturday night (winter time: 7 pm and 9 pm) fountains become really magic!


A ridosso di plaça de Espanya sorge invece il centro commerciale "Arenas". Sembra una vera arena (ed in passato lo è stata), in realtà è un centro commerciale la cui peculiarità è la vista che regala dall'ultimo piano su Plaça de Espanya ed il vicino museo de la Cantalunya.

Adjacent to Plaça de Espanya there is a weird mall called "Arenas". It looks like a real arena (it formerly has been an arena) but actually is a commercial center whose peculiarity is the view of Plaça de Espanya and the nearby museum of the Cantalunya from the top floor.


Architettonicamente una genialata, meno il far pagare un euro per salire sull'ascensore esterno che vi porterà in cima. Entrando nel centro commerciale, infatti, è possibile salire ugualmente in cima senza "regalare" il sopra citato euro. A livello di costi "inutili" e/o "eccessivi" (i 20 dollari della teleferica, l'euro per salire con l'ascensore, i 7 euro di Parc Guell etc.) Barcellona merita un voto non positivo.

Location is great, not so great the fact that you have to pay 1 euro to take the elevator outside the mall that takes you up at top. If you go inside the mall you can easily go to the top and avoid the unnecessary expense.


Sono le 18 e dobbiamo trovare qualcosa da fare per non andare a cena ad orari non proprio "spagnoli". Poi, a sorpresa, ecco comparire il jolly. "Ma non abbiamo ancora visitato La Boqueria!". E Boqueria sia.

It's 6 pm and we have to find something to do. We can't have dinner now, it's Spain! "Well, we haven't visited the Boqueria yet". Sounds good!


Parliamo del mercato più famoso di Spagna e probabilmente anche uno dei dieci mercati più belli al mondo.

We are talking about the most famous spanish food market and probably one of the best ten foos markets of the world. 



Situato lungo la Ramblas, lo noterete subito per il fatto che tantissime persone ad ogni ora del giorno lo visitano. Un mondo di sapori e di odori, una valida alternativa ai ristoranti della città.

Situated along the Ramblas, you'll notice it just because many people at every hour of the day visit this place. A world of flavors and odors, a viable alternative to the restaurants in town.


Noi però ci limitiamo ad un mini aperitivo a base di prosciutto patanegra (che sarà anche carissimo, ma è anche buonissimo) e nel frattempo rimpiangiamo di essere partiti solamente con un trolley.

we just have a quick happy hour with the amazing patanegra prosciutto (expensive but delicious).


Già, perchè una valigia qui l'avremmo sicuramente riempita.

Well, we would have definitely filled a bag with all this delicious food


E' l'ultima sera a Barcellona e non possiamo non chiudere l'avventura in terra catalana con la... paella. Tra i tanti ristoranti che ci sono stati consigliati e che abbiamo scovato in internet, scegliamo "La Fonda" (carrer de Escudellers, 10), all'interno del quartiere gotico. Una ventina di minuti buoni di attesa, in coda, fuori dal ristorante, saranno ricompensati da una discreta paella. Fantastico invece il conto: una paella per due, un bicchiere di Sangria ed un bicchiere di vino per 26 euro.

This is the last night in Barcelona and we have to finish the adventure in Catalunya with ... paella. Among the many restaurants we've found, we select "La Fonda" (carrer de Escudellers, 10) located in the gothic district. We have to wait in line for twenty minutes but we will be rewarded by a good paella. The bill is even fantastic: paella for two people, a glass of Sangria and a glass of wine for 26 euros.




LA FONDA
Location: 7
Service:    6.5
Menu:       6.5
Conto/bill: 9



FOLLOW US ON FACEBOOK:

WWW.FACEBOOK.COM/DUECUORIPERVIAGGIARE?REF=HL