domenica 20 novembre 2016

2016 trip - Route 66, Hawaii, Seattle and much more (day 14: Seligman - Las Vegas)

STAGE PROFILE
STATES: Arizona - Nevada
CITIES: Seligman - Las Vegas 321 km
STOPS: Hackberry, Kingman. Chloride, Hoover Dam.

Seligman è una di quelle città che, una volta salutato il buio della notte, cambia il suo volto. E' un insieme di colori e cimeli della route 66, in un'atmosfera tipicamente anni '50-'60 capace di rapirti. E, infatti, anche se dovremmo ripartire immediatamente, ci facciamo coinvolgere da tutto ciò che è legato alla strada madre.

Seligman is one of those cities that, once the darkness of the night has left, shows its best face. It's a set of colors and memorabilia of Route 66, in a typical '50 and '60 atmosphere.  In fact, even if we should immediately leave, we end up getting involved with everything that is related to the mother road.




E ce n'è uno in particolare che attira la nostra attenzione, il Delgadillo Historic Route 66 barber shop and visitor center. Come mai? Semplice, a dirigere l'ex barber shop è un arzillo novantenne, di nome Angel Delgadillo, soprannominato l'angelo guardiano della route 66 e, ovviamente, anche il papà della mother road.

And there's one in particular that gets our attention, Delgadillo Historic Route 66 barber shop and visitor center. Why? Angel Delgadillo, who has been dubbed the 'guardian angel' and "father" of U.S. Route 66 is the owner. He is 90 years old and he has always lived here. 





Angel è nato proprio qui a Seligman, il 19 aprile 1927... e da qui non se n'è mai andato. Non l'ha fatto durante il "California or dust", non l'ha fatto neppure quando è stata costruita l'highway. Lui è Seligman, lui è la route 66. Nel 1985, nel pieno del declino della route 66, ha fondato con sua moglie Wilma l'Historic route 66 Association of Arizona e fu proprio lui ad essere contattato dal regista di Cars per ottenere informazioni sulla vita lungo la route 66. "Non sai come è cambiato tutto da quando hanno costruito l'Highway, non passa più nessuno" furono le prime parole di Angel. Che ovviamente illuminarono John Lasseter.

Angel was born right here in Seligman, April 19, 1927 ... and he has never left this place. Angel did not leave during the "California or dust", he didn't even leave when the highway replaced the route 66 He is Seligman, he is the route 66. After the decline and eventual delisting of the route from the United States Highway System in 1985, he went on to found the Historic Route 66 Association of Arizona. While researching the history of Route 66 for the 2006 Disney/Pixar motion picture Cars, John Lasseter met Delgadillo, who told him how traffic through the town virtually disappeared on the day that nearby Interstate 40 opened. In the film, Sally Carrera serves as a vehicle to deliver that message in a 3½ minute flashback in which the town and the US Highway vanish literally from the map. It has been said that Delgadillo helped to inspire the movie through his passion for the road.





No, Angel Delgadillo non è uno come gli altri, è nell'Olimpo della route 66 insieme a Lucille e Gary Turner dei quali abbiamo parlato quando abbiamo attraversato Missouri ed Oklahoma. Chi passa da qui lo fa essenzialmente per stringere la mano ad Angel, diventato negli ultimi vent'anni un'icona della strada madre.

Well, Angel Delgadillo is not a man like any others,he is in the Olympus of the route 66 along with Lucille and Gary Turner of which we talked about when we crossed Missouri and Oklahoma. Who comes here wants to meet Angel: he has become in recent decades an icon of the Mother Road. 



Per lui si sono scomodate televisioni (diversi programmi italiani l'hanno intervistato, tra cui Dreams Road in onda la domenica mattina su raiuno), giornali e persino autori di libri. Purtroppo però il suo gift shop non aprirà prima delle dieci e la nostra tabella di marcia ci impone di ripartire. Alle 9 lasciamo Seligman e continuiamo a percorrere il tratto più lungo della route 66. Un tratto lungo, lunghissimo...tanto da sembrare infinito.

He has become an attraction along the road with people stopping to talk to him and coming from all over the world just to meet him. When the Associated Press was interviewing him, he met with tourists from Europe and Asia. Unfortunately he is going to open his gift shop at ten am, but we have to leave right now. It's 9 am and, while leaving Seligman, we travel along the longest stretch of route 66. It' long, very long. It seems infinite. 


Qualche piccola cittadina (Peach Sprins, Truxton, Valentine ed Antares) e tanti territori desertici, interrotti da qualche cartello che indica che da qui è possibile raggiungere il versante sud-ovest del Grand Canyon. Per intenderci quello dello "Sky-walk" e delle splendide Havasu Falls, situate nell'omonima contea gestita dai nativi.

We see some small villages like Peach Springs, Truxton, Valentine and Antares and many desert areas, interrupted by some sign indicating that from here you can reach the south-west side of the Grand Canyon. We are talking about the very famous "Sky-walk" and the beautiful Havasu Falls, located in the homonymous county run by natives.


Siamo molto lontani dalla Highway 40 e, tra una cittadina e l'altra, ci fermiamo al Hackberry General Store di Hackberry, Arizona.

We are very far from Highway 40 and while driving we encounter a weird gift shop. Its name is Hackberry General Store Hackberry, located in the small village of Hackberry, Arizona.


Non potrete mancarlo perchè una marea di turisti che percorrono la tratta che dal Grand Canyon va a Las Vegas (o Los Angeles) l'hanno resa una tappa obbligata lungo un viaggio sulla route 66. Ad accompagnarci ci sono le solite splendide memorabilia della route 66: oggetti, libri, mappe e molto altro. E non dimenticate di incontrare il famosissimo Max, il cane apparso in diversi spot commerciali (tra cui Harley Davidson e United Airlines) e in show televisivi andati in onda in Olanda e Germania.

You can not miss it because a lot of tourists that travel the stretch that goes from the Grand Canyon to Las Vegas (or Los Angeles) have made it an obligatory stop along a journey on Route 66. A collection of roadside memorabilia. Take some time to peruse the many maps, books, signs and artifacts relating to historic Route 66, and be certain to sign the guest book. Meet “Max”, our lovable, friendly rescue dog. He has been featured in TV commercials for Harley-Davidson motorcycles and United Airlines in the U.S. and on television shows in Holland and Germany on the international scene. Pet him and receive an energetic wag of his tail.


Qualche miglio dopo ecco finalmente la prima grande città dopo molto tempo. Sostanzialmente dopo Williams. Siamo a Kingman, celebrata anch'essa nella famosa canzone sulla route 66 e punto di riferimento quanto riguarda tutto l'ovest dell'Arizona. Il visitor center (powerhouse visitor center) è fornitissimo anche sulla route 66, ma non riusciamo proprio a farcela piacere. Noi siamo fatti per  tutte le Seligman di questo mondo, non c'è nulla da fare.

A few miles later, here it comes the very first big city in a long time. Substantially after Williams. It's Kingman, which is also celebrated in the famous song about the route 66 and a reference point regarding the whole west of Arizona. The visitor center (powerhouse visitor center) is also stocked on Route 66: anyway, we don't know whay but we don't like Kingman. We are just made for all the Seligman of this world, this is the truth.


Noi però dobbiamo fare un passo indietro. Già, perchè adesso la strada ci porterebbe a superare il confine californiano ed approdare a Barstow, che cinque anni fa fu il primo impatto che avemmo con l'America. Per noi è "dove tutto è cominciato". Dovremmo attraversare la particolarissima Oatman, cittadina legata alle miniere dei primi del novecento dove è consuetudine visitare l'Oatman Hotel (alla stanza 15 Clark Gable pernottò durante la luna di miele), ma è ancor più consuetudine trovarsi a contatto con gli asinelli che girano liberamente per le poche viuzze di Oatman. E infine anche Needles, situata proprio al confine, dove scorre il Colorado e dove è possibile ammirare il carrozzone della corsa all'oro usato nella serie tv "Death Valley Days".Noi invece viriamo verso nord, perchè il giorno prima, davanti ad un caffè, abbiamo scelto di cambiare i nostri programmi. E sulla route 66 non deve sorprendere. Avremmo dovuto passare da Barstow e poi volare verso il cuore della California per visitare il Sequoia National Park e invece stiamo andando a Las Vegas e, il giorno successivo, visiteremo il Joshua Tree National Park. Ci eravamo promessi una sola cosa in fase di organizzazione, di evitare almeno questa volta Las Vegas, ed invece ci siamo ricascati. Stiamo viaggiando lungo la "93" e, dopo aver visitato la pittoresca semi-ghost town di Chloride, entriamo nel Nevada e nel suo deserto per tornare nella città del peccato. Solo per una notte, solo perchè il desiderio di pernottare al Golden Nugget ha preso il sopravvento.

Now we have to take a step back. Yes, because now the historical route 66 would lead us to overcome the Californian border and get to Barstow, which five years ago has been our baptism in the United States of America. For us it is just "where it all began." We should cross the peculiar Oatman, a town linked to the mines of the early twentieth century where people visit the Oatman Hotel (Clark Gable spent the night during the honeymoon in the room number 15) and admire the donkeys that run freely along the streets. And finally Needles, located at the border, where flows the Colorado and where you can see the wagon of the Gold Rush used in the TV series "Death Valley Days" .But we are driving to the north. Why? Because the day before we decided to change our plans. The original plan was Barstow and Sequoia National Park in the heart of California but now we're going to Las Vegas and the next day, we will visit the Joshua Tree National Park. While planning the trip we promised just one thing: "This summer we won't go to Las Vegas again" we said. Well, everything has changed. We are traveling along the "93" and, after visiting the picturesque semi-ghost town of Chloride, we encounter the Nevada Desert and then the sin city. Only for one night, just because we really would like to experience the Golden Nugget Hotel.





Torniamo, anche se solo per qualche minuto, alla Hoover Dam, la diga di Hoover, della quale abbiamo parlato approfonditamente il "The Old Wild Southwest", ci fermiamo al Las Vegas Premium Outlet (quello a est della strip) e finalmente raggiungiamo downtown. Il Golden Nugget ci affascina non solo perchè abbordabile economicamente come molti dei lussuosi hotel di "Vegas", ma anche e soprattutto per quello scivolo d'acqua che scorre in una vasca popolata da molti pesci tra cui squali. Di Las Vegas abbiamo ormai raccontato tutto ed il contrario di tutto, E anche la strip ormai l'abbiamo visitata in lungo e in largo.

We come back, even if for a few minutes, to the Hoover Dam, which we have extensively talked about during "The Old Wild Southwest" trip, we even stop at the Las Vegas Premium Outlet (the one east of the strip) and finally reach downtown. The Golden Nugget is fascinating not only because it's as cheaper as many of the luxury "Vegas" resorts, but also and especially for the water slide flowing into a tank populated by many fish including sharks. We've already told everything and its opposite about Las Vegas, now it's time to have a good dinner.


Se siamo qui è anche perchè vogliamo tornare nel mitico Rollin Smoke Barbeque, un locale decisamente spartano situato a tre chilometri a nord della strip che offre uno dei migliori bbq dello stato. Per chi volesse vivere una Las Vegas più vera, lontana dalle luci dei riflettori, il Rollin Smoke è il posto giusto.

Well, we are here in "Vegas" also because we want to come back to the mythical Rollin Smoke BBQ, a very spartan restaurant located two miles north of the strip that offers one of the best BBQ in the state. For those wishing to live a truer Las Vegas, far from the spotlight, the Rollin Smoke is the right place.


Poi ,ovviamente, non è possibile resistere al fascino della "strip", dei resort immensi e della quantità di persone che la popolano ogni sera. Avremmo dovuto essere in un altro deserto, quello del Mojave, in mezzo al nulla, con il solo rumore dei binari del treno che è stato il nostro primo impatto con gli Usa e che mai dimenticheremo. Siamo invece davanti al Venetian con un cupcake di un certo "Boss delle Torte". Tutto sommato ne è valsa la pena. O no?

Then, of course, we can not resist the charm of the "strip", the huge resorts and the immense amount of people that populate it every night. We should have been in a different desert, the Mojave desert, in the middle of nowhere, with only the noise of the train tracks that was our first impression of the US five years ago and that we will never forget. We are instead in front of the Venetian with a cupcake of a certain "cake boss." All in all it was worth. Or not?




HOTEL
Golden Nugget (70 dollari)
POSITION: **
COMFORT: ***
VALUE: *****
CLEANING: *****



FOLLOW US ON FACEBOOK: WWW.FACEBOOK.COM/DUECUORIPERVIAGGIARE?REF=HL
Posta un commento